Apple pie al farro con fiocchi d’avena e Melograno

gallery 30 dicembre 2016 6 responses

 

Per augurarvi un nuovo anno favoloso, ho pensato a questa torta… una Apple pie un po’ diversa dal solito, con fiocchi di avena nell’impasto, confettura di melograno, tante mele e granelli di melograno sparsi qua e la, che sono belli da vedere e si gustano con piacere. E poi portano fortuna, no?!?

Il rosso è il colore della festa, e sulla tavola questa torta porterà allegria e voglia di frizzanti novità.

E con questa Apple pie, chiudiamo l’anno 2016. Che ci ha portato un dolcissimo cucciolo… un cuochino che presto metterà le mani in pasta insieme alla sua bravissima sorellina!

Auguri a tutti voi! 🍾💕

La Ricetta. . .

 

 

 

Print Recipe
Apple pie al farro con fiocchi d'avena e Melograno
Tempo di preparazione 60 Minuti
Tempo di cottura 55 Minuti
Porzioni
Tempo di preparazione 60 Minuti
Tempo di cottura 55 Minuti
Porzioni
Istruzioni
  1. Lavorate la farina con il burro, e a parte imbevete i fiocchi di avena nel latte e lasciate riposare 15 minuti circa.
  2. Mescolate quindi i fiocchi di avena con la farina, un po' di cannella, il miele e un pizzico di sale.
  3. Lavorate qualche istante e riposare per circa un’ora a temperatura ambiente.
  4. Impastate poi nuovamente aggiungendo un po' di latte se la consistenza fosse troppo soda.
  5. Stendete l'impasto in una teglia unta di olio e cosparsa di farina, tenendo 1/3 dell'impasto per la copertura.
  6. Riempite il guscio con la marmellata di melograno (io ho usato quasi tutto il vasetto),e con le mele tagliate a tocchetti, cospargete con un cucchiaio di zucchero di canna, e ricoprite con l'impasto avanzato, steso finemente. Sigillate bene i bordi e praticate qualche taglio sulla superficie. Poi inumidite con poca acqua e cospargete con zucchero di canna.
  7. Mettete in forno caldo a 190 gradi per 55 minuti, fino a doratura, poi fate raffreddare bene e cospargete con abbondanti chicchi di melograno.

 

Crostatine Sbrisolone Farro e Avena con Crema pasticcera e More di gelso

gallery 17 settembre 2016 4 responses

picsart_09-17-09-57-16
Siamo gia’ a metà settembre, l‘estate e le vacanze sono volate via con la rapidità di un soffio di vento improvviso che ti porta via il cappello. Il tempo passa in fretta, troppo in fretta. Immancabile la mia malinconia di fine estate, quando le giornate si accorciano… Mettere letteralmente le mani in pasta è la cosa che mi fa stare meglio. Preparare qualcosa di buono da mangiare insieme, e sentirne il profumo per tutta la casa, mi da sempre un grande conforto. 

picsart_09-15-10-14-00

 

Queste Crostatine sbrisolone con la farina di farro e l’ avena,  farcite con crema pasticcera e delle more di gelso che tenevo in freezer, sono delicate e deliziose. Da provare, per la colazione del fine settimana che sa di autunno…

 

picsart_09-17-09-58-47

A presto!

 

 

La Ricetta…

 

picsart_09-15-11-39-32

 

picsart_09-16-10-16-19

 

picsart_09-16-10-11-57

Crostatine Farro e Avena con Crema pasticcera e More di gelso
 
Prep time
Cook time
Total time
 
Author:
Recipe type: crostata
Ingredients
  • Per 6 crostatine da circa 12 cm di diametro o per una crostata di 22 cm.
  • Per la frolla:
  • 150 g di farina 00
  • 150 g di farina di farro bianca
  • 50 g di farina di avena
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1 uovo
  • 120 g di zucchero
  • 130 g di burro
  • Per la crema pasticcera:
  • 90 g di zucchero
  • 1 uovo intero + 2 tuorli
  • 500 ml di latte
  • 70 g di maizena
  • Qualche goccia di estratto di vaniglia naturale
  • la scorza di un limone non trattato tagliata a pezzi grossi
  • More di gelso (o frutti di bosco a piacere) circa 200 g
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • zucchero a velo per spolverare
Instructions
  1. Per prima cosa, preparate la crema pasticcera. In una ciotola sbattete i tuorli e l’uovo con lo zucchero fino ad avere una consistenza chiara e spumosa. Aggiungete la maizena setacciata, poi versate piano piano il latte, mescolando per evitare grumi.
  2. Trasferite tutto in un pentolino e mettete sul fuoco. Aggiungete la scorza del limone e qualche goccia di estratto di vaniglia e lasciate cuocere a fiamma medio/bassa, continuando a mescolare fino a che non addenserà (circa 10 minuti).
  3. Togliete dal fuoco, eliminate la buccia di limone e lasciare raffreddare girando di tanto in tanto.
  4. Per la frolla, amalgamate il burro freddo tagliato a tocchetti con lo zucchero con le mani o nel robot da cucina. Aggiungete l’uovo, ed infine la farina ed il lievito setacciati assieme ed impastate, per amalgamare insieme tutti gli ingredienti. Se rimangono briciole non importa.
  5. Dividete la frolla in due porzioni, una un po' più abbondante con cui dovete rivestire gli stampini. L’altra frolla servirà da sbriciolare sulla superficie.
  6. Versate la crema pasticcera nei gusci di frolla. Posizionate poi al di sopra le more lavate ec asciugate facendole sprofondare.
  7. Prendete il resto della frolla e sbriciolatela sopra, poi spolverate con lo zucchero di canna.
  8. Infornate in forno già caldo a 180° per 30 minuti.
  9. Sfornare, far raffreddare e spolverate con zucchero a velo.

picsart_09-06-11-18-00

Ciambella alle Nespole, con orzo, farro e yogurt greco

gallery 27 luglio 2016 2 responses

PicsArt_07-27-10.16.01

Finalmente riesco a postare questa ricetta, un esperimento fatto qualche settimana fa con le nespole del nostro albero.

Vi piacciono questi frutti, tanto simili alle albicocche, ma anche tanto differenti nel gusto e per le loro caratteristiche?

PicsArt_07-17-06.06.39

Intanto bisogna dire che le nespole si distinguono in Nespole comuni e Nespole del Giappone. Le prime sono coltivate nei paesi del mediterraneo fin dall’antichità e si sono diffuse poi anche in paesi caldi come la California.

In Italia le Nespole comuni sono coltivate prevalentemente in Sicilia, dove maturano nel mese di maggio. Qui da noi in Valle d’Aosta il clima è decisamente più freddo, e la maturazione viene raggiunta verso il mese di luglio, quando i frutti iniziano a presentare le caratteristiche macchie scure sulla loro buccia arancione. Dopo la raccolta è bene aspettare qualche giorno, in modo che finiscano la loro maturazione e siamo pronte da gustare.

Ricche di tannino, acido acetico, acido tartarico, zucchero, antiossidanti e vitamina C, le Nespole possiedono ottime qualità terapeutiche e infatti per questo, sono utilizzate soprattutto nella produzione di rimedi erboristici, elisir e liquori. Le Nespole sono ottime per riequilibrare l’intestino. Astringenti quando sono acerbe, lassative e riequilibranti quando sono mature.

Sono sincera, a me non piace consumarle al naturale, non amo particolarmente la consistenza della loro polpa, ma avendo un bell’albero in giardino, approfitto dei suoi frutti per preparare una torta, morbida e dolce, poco calorica, con farine diverse e yogurt greco.

Guardate un po’ cosa ne è venuto fuori… Una ciambella perfetta per la colazione!

A presto e buona Estate!

 

PicsArt_07-17-06.08.51

 

La Ricetta…

Read More

CONSIGLIA Bigoli con anatra